Funzioni abitative Guide pratiche

Feng Shui e bagno: perdita di denaro!?

 

Feng Shui bagnoLa versione popolare del Feng Shui più diffusa in occidente è ricca di luoghi comuni, alcuni così…comuni, che quasi tutti gli autori commerciali si sentono in dovere di citarli. Tra questi, il mito di dover dormire esclusivamente con la testa a nord, il pericoloso bagno a sud ovest, le travi che emanano nefande influenze da correggere con eleganti flauti di bambù, la coppia di anatre da mettere nella zona del matrimonio per trovare il partner, la fontanella a sud est per attirare la fortuna economica e, infine, uno dei nostri preferiti…il bagno – e in particolare il wc – che scarica l’energia del denaro!

Quest’ultima idea ha una serie di varianti: il bagno di fronte all’ingresso, il bagno a sud est, la tavoletta del wc lasciata aperta…tutti seri pericoli che minacciano di affossare le nostre finanze più di quanto stia già facendo la crisi. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza…

Cos’è “l’energia del denaro” secondo il Feng Shui?

Forse una specie di fluido invisibile che in qualche modo influenza la nostra condizione economica? No, questa concezione deriva dal fatto che nel Feng Shui, i testi e gli insegnanti cinesi utilizzano spesso il termine “qi”, malamente tradotto come “energia”. Come succede per molti termini cinesi, il qi (spesso si trova anche come “chi” o “ch’i”) sfugge a una definizione netta di tipo occidentale, e nel parlarne, i cinesi lo paragonano spesso all’acqua, dicendo quindi che scorre, investe, si accumula, si disperde, si scarica, ecc. Ma questo è solo un paragone, una metafora didattica, che non va presa alla lettera. Se invece la prendiamo alla lettera, e traduciamo “qi” nel modo più generico (e spesso inappropriato), cioè con la parola “energia”, ecco che otteniamo il concetto di una specie di fluido invisibile che scorre attraverso l’ambiente seguendone le forme. E quando il maestro cinese di Feng Shui tradizionale parla di conformazioni che influenzano l’ambito finanziario, arriviamo all’idea di una fantomatica “energia del denaro”, che rischia di finire nel water ed essere scaricata insieme a cose assai meno preziose.

Le cose stanno in modo un po’ diverso.

Vi sono in effetti elementi del nostro ambiente che, a livello di istinti animali, ci danno la sensazione profonda di poterci procacciare facilmente risorse, di poterle conservare e moltiplicare, e ve ne sono altre che invece interferiscono con questo processo. Alcune conformazioni interne all’abitazione potrebbero davvero contenere un’informazione di depauperamento e scarico.
Ma occorre fare alcune precisazioni.

Nel Feng Shui vi sono cose ben più importanti della posizione del bagno.

Anzi, vi sono cose più importanti della posizione di qualunque stanza, perché nel Feng Shui autentico gli esterni hanno spesso un’importanza maggiore rispetto agli interni, per ragioni abbastanza semplici da comprendere. L’ambiente interno è un microclima artificiale creato dall’uomo per difendersi dalle intemperie e dalle minacce di quello esterno, dal quale però provengono anche tutti gli approvvigionamenti necessari. È l’ambiente naturale che determina la necessità dell’edificio e che ne delimita le possibilità, non viceversa. Perciò si dice che l’ambiente esterno è dominante su quello interno.

L’interno dell’abitazione corrisponde allo spazio psicologico interno degli abitanti, all’immagine di sé stessi, mentre l’esterno corrisponde al loro ambiente sociale, agli eventi e alle opportunità che si presentano nella vita, eccetera.

Ora, se consideriamo il tema delle risorse materiali e del denaro in questa luce, dobbiamo dire che negli interni può essere riflessa la capacità di aprirsi e di accettare ricchezza e prosperità. Tuttavia, di per sé questa capacità non è sufficiente a creare benessere: la ricchezza materiale deve pur essere presa da qualche parte, cioè deve provenire dall’esterno! Per questo motivo, le conformazioni esterne collegate all’afflusso, accumulo e all’abbondanza sono in genere più importanti di quelle interne.

Se – esternamente – questa informazione è debole o compromessa, o peggio ancora è presente una opposta informazione di povertà, la struttura interna dell’abitazione riveste un’importanza relativa. Provate a vederla così: quanto può giovare a una persona il fatto di avere un apparato digerente in perfetta salute, se poi non trova nulla da mangiare?

Questo ovviamente non significa che nel Feng Shui gli interni non abbiano importanza!

Infatti, anche il cibo migliore non dà beneficio al corpo se questo è troppo debole per digerirlo, e può anzi arrecargli un danno. Inoltre, vi sono casi in cui le condizioni esterne non sono di per sé né particolarmente favorevoli né sfavorevoli; in questi casi, gli interni possono rappresentare l’ago della bilancia.

Vediamo allora quanto c’è di vero in queste preoccupazioni.

Raramente il bagno a sud est porta difficoltà per quanto riguarda la ricchezza.

Se non vi sono problemi nell’area sud est in esterni, e il bagno è una stanza pulita, decorosa, ben funzionante e ben arredata, non causa alcun problema. Il bagno è un locale archetipicamente collegato alla fase Acqua, che è in un ottimo rapporto con il Legno, signore del sud est. Certo: gli scarichi danno una sensazione di “scarico”! Ma questo non è di per sé sufficiente a creare una reale informazione di impoverimento; perché ciò avvenga, una conformazione “scaricante” deve avere dimensioni di gran lunga maggiori. Da questo punto di vista, per l’analisi Feng Shui è molto più importante controllare se esternamente – nella direzione sud est – vi sono buchi, voragini, terreno in discesa (troppo ripido), forme disturbanti, edifici che richiamano una sensazione di povertà o di perdita.

La tavoletta del wc non riveste una grande importanza.

Personalmente, ho visitato case di maestri di Feng Shui che non solo lasciano la tavoletta alzata, ma anche la porta del bagno aperta. E anche se qualcuno afferma che si può fare così per una zona in cui la combinazione di stelle volanti è sfavorevole, questo è molto dubbio per lo stesso motivo esposto sopra: gli scarichi sono troppo piccoli per avere un reale impatto sulla percezione dell’ambiente.

Stanza da bagno di fronte all’ingresso = perdite finanziarie?

Si tratta anche qui di una regola estrapolata da un processo analitico più complesso (tipico del Feng Shui professionale) che, quindi, non può avere un valore assoluto, ma soltanto relativo. le semplificazioni, nel Feng Shui, non sono quasi mai realmente utili.
Se la sensazione di abbondanza proviene proprio dalla porta di ingresso, è chiaro che il wc posizionato in linea con la porta del bagno e con la stessa porta di ingresso può essere un problema: l’informazione che si crea, infatti, è quella che la ricchezza ricevuta venga “gettata via” prima che io abbia la possibilità di usarla.
Se invece la sensazione di abbondanza è collegata a un altro lato dell’abitazione, questo allineamento non creerà alcun problema finanziario. Potrebbe però risultare problematica per altri motivi più importanti. Ad esempio, entrando in casa rientriamo metaforicamente dentro noi stessi, ed essere accolti come prima cosa dalle funzioni di pulizia e scarico non è certo il migliore benvenuto! Inoltre, poiché il bagno è collegato anche alla sessualità e all’intimità, questa situazione può indicare problemi legati a questa tematica.

Non bisogna poi dimenticare che nel Feng Shui esiste sempre una componente specifica personale, che deve essere valutata dall’esperto di caso in caso. Un’abitazione potrebbe comportare perdite economiche per qualcuno e non per un altro. Infine, l’arredamento, l’illuminazione, i colori, l’eventuale presenza di piante nella stanza da bagno, possono essere determinanti e possono essere usati per riequilibrare la potenziale perdita, come vedremo tra poco.

Quali sono, quindi, i consigli Feng Shui per il bagno?

Se in casa vostra vi è qualcuna delle situazioni “incriminate” e avete cominciato ad avere problemi di ricchezza, prosperità o abbondanza dopo esservi trasferiti lì, non angustiatevi per la posizione del bagno e del wc. Probabilmente, non c’entrano proprio niente. Cercate altrove.

Se però volete essere sicuri di avere preso ogni precauzione per quanto riguarda il bagno, e soprattutto evitare altri fastidi non necessariamente legati alle finanze, potete:

  • tenere la porta del bagno sempre chiusa (questo vale comunque, se è di fronte alla porta di ingresso!)
  • creare uno “sbarramento percettivo” nell’area antistante, ad esempio con un’adeguata disposizione dell’illuminazione, oppure ponendo un tappeto di colore scuro trasversalmente all’allineamento sfavorevole (si possono usare anche altri elementi d’arredamento), o modificando il senso di apertura della porta di ingresso e/o della porta del bagno.

Ecco dunque come sistemare la stanza da bagno Feng Shui! Naturalmente, se si progetta un’abitazione ex novo, si farà attenzione a non allineare porta di ingresso-porta del bagno-wc, ma questo rientra nei criteri di una buona progettazione, senza bisogno di scomodare il Feng Shui!

 

Informazioni sull'autore

Stefan Vettori

Stefan Vettori

Penso che il mio viaggio nel Feng Shui sia iniziato quando, da piccolo, mi sono chiesto: ma perché le città sono tanto brutte? Possibile che non facciano stare male nessun altro oltre a me? Possibile che nessuno preferisca forme e colori più gradevoli, più morbidi?

36 commenti

  • Bravi, bene. Mi piace il nuovo look del sito web e, come sempre, gli articoli chiarificatori sulle bufale del Feng Shui. Quella del bagno/perdita di denaro è la mia preferita.

    Buon lavoro!

  • Salve, ho letto questo articolo molto interessante e mi sorge un dubbio:
    Da pochi mesi ho traslocato in una grande e bella casa in collina…..proprio per questa posizione (esteticamente inviadiabile) la strada antistante alla mia proprietà è stretta e in discesa/salita molto ripida, direi decisamente scomoda se non l’unica nota stonata di questa casa…..cosa potete dirmi al riguardo???? Grazie davvero Debora

    • Ciao Debora, grazie per il commento!
      Per quanto riguarda la strada davanti a casa tua, una forte pendenza è quasi sempre un elemento fondamentale nell’analisi di un ambiente. Per capire che effetto ha una strada in pendenza, però, bisognerebbe avere altri dati, come ad esempio:
      – la dimensione della strada in relazione all’edificio
      – se la strada segue un percorso diretto o curvilineo
      – se vi è terreno pianeggiante tra l’edificio e l’attacco della strada, e che distanza copre
      – la posizione nello schema dei 4 animali
      – se ci sono volumi che interrompono il tragitto tra l’arrivo della strada e il lato dell’edificio verso cui è diretta
      – se vi sono elementi ai lati della strada che deviano l’attenzione dal tragitto stesso
      – l’intensità del traffico sulla strada
      …e potrei andare avanti a lungo. Mi dispiace non poterti dare una risposta migliore, ma devo essere onesto: senza avere questi dati, potremmo dirti tutto e il contrario di tutto! Il fatto è che una valutazione dell’ambiente è un processo olistico: deve tenere conto di tutti gli elementi coinvolti, per comprendere le relazioni che stabiliscono tra loro. Per questo siamo così scettici sui consigli “generici” e cerchiamo sempre di contestualizzare il più possibile le nostre indicazioni quando parliamo dei principi del Feng Shui.
      Ciao, alla prossima!

  • Buongiorno e complimenti.
    In merito al discorso della ricchezza e della direzione sud est e che sia piu’ importante controllare gli esterni se vi sono buchi, terreno in discesa ecc….., volevo sapere nel caso in cui si verifichi una situazione del genere, negli interni come posso rimediare ?
    Perché il dilemma è proprio questo. Posso fare qualcosa negli interni ?
    Grazie e buon lavoro
    Emanuela

    • Ciao Emanuela,
      la risposta breve alla tua domanda è…”no” 🙂
      Come avrai capito dall’articolo, un vero e proprio rimedio non c’è, però si può provare a smorzare il problema. Se non vi sono motivi per cui le finestre da cui vedi l’area a Sudest devono avere i vetri nudi, puoi provare a mettere delle tendine molto chiare tipo garza. L’idea è che le tende lascino passare la luce (anche per non sfavorire il Sudest almeno in interni!) ma nascondano alla vista il problemino negli esterni.

      Meno sei esposta alla vista di quell’area degli esterni, meno ti arriva la suggestione che associa l’area delle risorse a un terreno in qualche modo “mancante”.

      Questo vale come principio generale: quando c’è un problema in esterni ma possiamo lavorare solo in interni, il meglio che si può fare è “mascherarlo”, o comunque fare in modo che l’attenzione non si posi in quel punto così spesso come prima.
      Ovviamente, ci saranno sempre dei momenti in cui ricevi l’informazione di depauperamento dall’area incriminata, specialmente se è molto visibile dal percorso che fai per entrare e uscire di casa. Ma si fa il possibile, no?

      Voglio comunque ricordare a tutti che pur essendo un fattore molto più importante di quanto si pensi nella cultura occidentale contemporanea, il Feng Shui non determina al 100% gli esiti delle nostre azioni. La casa ti imprime suggestioni forti e profonde, ma non al punto da renderti un burattino. L’abilità e la forza di volontà della persona sono anch’essi fattori decisivi. La differenza tra avere un Feng Shui favorevole è uno sfavorevole è un po’ come quella tra remare contro o con la corrente: potendo remare con la corrente avrai vita MOLTO più facile, ma se devi remare contro, non significa che non puoi arrivare.

      Il motivo per cui conoscere il Feng Shui è utile a prescindere dal trovare poi una soluzione “fisica” al problema è proprio questo. Più sono consapevole di come la casa mi sta influenzando, e più è grande il margine di libertà rispetto a quell’influenza.

      Abiti in una casa con una voragine nel Sudest? Ok, questo significa che la tua casa ti sta dicendo: “procurarti le risorse è difficile, perderle è facile”. Se non conosci il Feng Shui, ti identificherai con questa affermazione e la percepirai come vera in assoluto; ma conoscendolo, puoi oggettivarla, distaccartene e perseguire i tuoi obiettivi in modo molto più libero.
      Quando c’è un problema di Feng Shui che non si può risolvere fisicamente, la risposta appropriata non è il fatalismo, ma cercare di comprendere meglio il messaggio dell’ambiente, per distinguere quella che è “l’ipnosi” della casa dalle nostre reali possibilità.

  • salve ho appena scoperto il vostro sito e lo trovo fantastico.
    ho una domanda:ci siamo trasferiti da poco in una nuova casa dove il soffitto della zona notte ha travi in legno e pianelle(motivo per il quale ci siamo innamorati della casa).e’ vero tutto quello che si dice al riguardo di dormire sotto le travi di legno? ho fatto costruire anche il letto a baldacchino a mio marito per questo!!!
    grazie

    • Va bene, ho capito, riapriremo la rubrica delle domande…:-)

      Cara Daniela,
      è curioso che tu ci chieda delle travi perché prossimamente metteremo online anche dei video gratuiti e penso che il primo riguarderà proprio…le travi. L’abbiamo scelto come primo tema perché con tutto quello che si legge nei manuali commerciali si è creata negli anni una preoccupazione assolutamente immotivata per questa cosa.
      Ti posso dire che in dieci anni che visito e analizzo abitazioni e luoghi di lavoro avrò visto al massimo due o tre casi in cui una trave poteva davvero creare problemi, e tutti erano facilmente rimediabili (anche se non con certe assurdità che si leggono sui libri..)
      Stefan potrebbe dirti lo stesso, e lui lo fa da vent’anni.
      Per i dettagli dovrai aspettare il video, e se vuoi essere avvisata quando esce, iscriviti alla nostra newsletter.
      Ma una cosa te la posso già dire: se anche le travi nel tuo caso specifico fossero state una potenziale fonte di fastidi, dormi pure tranquilla perché con il letto a baldacchino sei in una botte di ferro.
      Ciao!

    • Grazie, ci impegniamo molto per fornire informazioni accurate sul Feng Shui, visto che purtroppo molto del materiale che si trova in circolazione contiene imprecisioni, errori e in generale una carenza di comprensione dei concetti.
      Stefan

  • Finalmente qualcuno che rende un po’ più reale il feng shui e meno temibile per certi aspetti. Trovo che, spesso, le cose che si leggono su internet (e ahimè anche su alcuni libri) sul feng shui, sono copie di copie e quindi non si trova mai una ‘verità’ alternativa.
    a questo proposito ho una domanda: ho letto che il bagno a sud ovest crea problemi alla coppia. esattamente il mio si trova a sud sud ovest. Beh, io non posso dire di avere problemi gravissimi di coppia, ma qualche serio battibecco si, che a lungo andare non so dove ci porta… Esiste un rimedio? nel mio bagno ci sono piastrelle blu, sanitari e mobili bianchi e un po’ di elemento legno in mensole e quadretti. Il mo istinto mi dice di togliere il blu…Come posso intervenire? grazie

    • Ciao Kauly e grazie per le tue considerazioni.

      Il Feng Shui, in Cina e in oriente, è sempre stato reale; siamo noi occidentali che l’abbiamo idealizzato e reso qualcosa di mistico e inafferrabile. In realtà, gran parte del Feng Shui è fatto solamente di buon senso pratico.
      Certamente per quanto riguarda il Feng Shui Internet è una delle peggiori fonti possibili, persino peggio dei libri, perché almeno quelli sono scritti da persone che pensano di essere esperti, mentre quasi tutto quello che si trova su Internet è scritto da giornalisti a pagamento che non hanno nulla a che vedere con il Feng Shui.
      Comunque pubblicheremo presto un articolo – o un video – proprio sui rischi che si corrono a usare informazioni non verificate.

      La storia del bagno a sud ovest è emblematica ad esempio, di come le informazioni autentiche e originali possano venire distorte fino al punto da essere falsificate. Racconterò brevemente che cos’è successo. Anticamente in Cina, solo gli uomini potevano chiedere una consulenza di Feng Shui. Spesso alle donne non era nemmeno permesso rivolgere la parola a un maestro di Feng Shui. Quando si dice quindi che un bagno a sud ovest può portare problemi di matrimonio, si intende per l’uomo. Infatti, nella traduzione e trasmissione delle antiche conoscenze di Feng Shui dall’oriente all’Occidente nessuno si è preoccupato di chiarire alcuni dettagli… fondamentali, come questo. In realtà, è falso che il sud ovest sia il punto riflesso della coppia: il sud ovest, secondo l’antica Scuola dei Trigrammi che ho recuperato in gran parte, è il punto riflesso della femmina dominante. Per il maschio dominante, però, rappresenta la moglie. Perciò, un bagno a sud-ovest può disturbare la salute e/o la presenza della moglie, creando un fastidio al matrimonio e quindi al maschio stesso.

      In primo luogo, nel sud ovest si deve leggere la capacità di accoglienza del gruppo verso l’esterno e lo stato di salute psicofisica della femmina dominante. Il matrimonio non c’entra nulla.

      In realtà, la nostra ricerca e la sperimentazione hanno dimostrato che il bagno a sud-ovest è molto meno pericoloso di quello che viene riportato sui libri, che molto spesso usano toni allarmistici e spaventano le persone. Dico subito molto chiaramente che i toni allarmistici sono tipici di chi è un incompetente e non conosce affatto il Feng Shui, anzi sono un ottimo modo per individuare ed escludere testi di bassa qualità.

      L’idea di base è che il palazzo del sud ovest è associato all’energia Terra, che è in scontro con l’Acqua. In pratica però, per vari motivi che non sto qui ad approfondire, se c’è un bagno a sud-ovest è sufficiente che sia tenuto sempre pulito, ordinato e – in caso di guasti – le riparazioni vengano effettuate immediatamente. In particolare è molto importante evitare ristagni di acqua o odore di acqua marcia.

      Tuttavia confermo che se il bagno ha piastrelle blu, l’informazione di Acqua potrebbe essere troppo forte. Il tuo istinto ti dice giusto: se valutate una ristrutturazione, sarebbe opportuno cambiare il colore delle piastrelle.

      In ogni caso, in questo caso i problemi alla coppia non deriverebbero tanto da problemi al matrimonio in sé, quanto dall’eccesso di Acqua sud-ovest che mina la sicurezza e la forza della femmina dominante (in questo caso penso tu stessa) e solo conseguentemente si potrebbero avere problemi di coppia.
      Spero che questa mia risposta chiarisca questo aspetto a tutti quelli che sono continuamente confusi dei libri di Feng Shui e da quello che si trova su Internet.
      Saluti, Stefan

  • Buongiorno,
    su alcuni manuali e su internet di feng shui leggo che sia nefasto avere il bagno a sud est in quanto il legno assorbirebbe l’acqua privando la casa di prosperità e ricchezza. Mi può gentilmente fornire spiegazioni? essendo in procinto di ristrutturare il bagno perchè ho appena acquistato casa, cosa mi consiglia per un bagno esposto a tale direzione?

    • Ciao Lisa,
      queste sono proprio sciocchezze scritte da incompetenti. Se già molti testi sono viziati da errori, le informazioni che si trovano su internet sono ancora più generiche e non verificate. Nota che la maggior parte delle informazioni sul Feng Shui in internet non provengono da esperti o autori riconosciuti, ma da giornalisti pagati un tanto a pagina.
      Non è possibile consigliare nulla perché innanzitutto bisognerebbe effettuare una visita in loco, in secondo luogo non si può applicare il Feng Shui su una stanza senza considerare il resto dell’abitazione. Il Feng Shui è una disciplina olistica: ogni parte è collegata al tutto e prima di procedere occorre evidenziare quali sono i legami della parte con il tutto e come le modifiche influenzeranno la parte.. e il tutto.
      Il miglior consiglio che ti posso dare è: segui il tuo istinto. Comunque a breve pubblicheremo un articolo o un video specifico sul bagno a sud est!
      Buona giornata

  • cercavo consigli sul comportamento della persona in circostanze…ma non ho trovato niente, anche sapendo che esiste…potete aiutarmi?
    Grazie.

  • Buongiorno,

    vorrei sapere in che modo il bagno di fronte all’ingresso può influenzare la sfera intima della coppia.
    Abbiamo ristrutturato e abitiamo da un anno in una casa che ha proprio il bagno in questa posizione, ed effettivamente abbiamo riscontrato alcuni problemi sotto questo aspetto, ultimamente.
    Per ora il bagno ha ancora una vecchia porta con vetro, nel momento in cui la cambieremo, scegliere una porta cieca dello stesso colore della parete può essere una soluzione?
    Grazie.

    • Ciao Luana,
      grazie dell’interessante domanda. Secondo il Feng Shui, un edificio esercita di solito un misto di influssi sulle persone, andando però ad agire sulla vita preesistente e favorendo maggiormente alcuni esiti rispetto ad altri, nelle attività quotidiane che ci riguardano o di cui ci occupiamo.

      A livello di influenza e di interpretazione molto dipende dalla percezione che si ha entrando dalla porta d’ingresso principale. Bisogna tenere in considerazione tutto: i colori, l’illuminazione, la distanza, i materiali, gli allineamenti,…

      A livello teorico, nel Feng Shui la sala da bagno è associata alla fase Acqua, a sua volta associata all’istinto, al sogno, alla sessualità, al concepimento e all’intimità. L’acqua è anche associata alla vitalità e alla ricchezza (questo vale maggiormente per l’ “acqua” che si trova esternamente all’edificio).

      Un allineamento del tipo da te descritto può anche indicare uno sha sul bagno. Ciò può significare intrusioni, disturbi o interventi esterni che agiscono sulla vostra intimità (così come su altri aspetti della vostra vita). In presenza di sha, può anche significare che la vostra vita intima e/o affettiva è “irritata”. Oppure, che permettete troppo facilmente ad altri di intromettersi nella vostra vita intima. Questa è una lettura molto semplice, che andrebbe associata con la posizione del bagno rispetto al centro dell’abitazione, cioè con il palazzo geografico di riferimento, e con altre informazioni.

      In ogni caso, soprattutto se il bagno non è cieco, consiglio di sostituire la porta a vetro con una porta cieca dello stesso colore della parete. Inoltre, se possibile, si può valutare di inserire, tra le due porte, una passatoia o un tappeto trasversale.
      Ciao!

  • Buongiorno!
    Volevo sapere quindi…potendo scegliere la posizione del bagno, avendo tutti i giusti requisiti per la sua collocazione sia a nord che a sud, quale direzione è meglio scegliere secondo il Feng Shui?
    Grazie mille!
    Annamaria

    • Ciao Anna Maria,
      se puoi scegliere tra le zone nord e sud della tua abitazione ti consiglio di procedere in questo modo. Il nord è un’area adatta per il bagno. Per quanto riguarda il sud, va bene se il bagno occupa meno di metà del palazzo sud. Inoltre, in questo caso, seguendo il Feng Shui sarebbe meglio evitare colori di fuoco (rosso, arancione) e preferire colori di legno (verde, turchese).
      Ciao!

  • salve, nel mio appartamento la porta d’ingresso è allineata alla porta del bagno e al wc ed è una posizione sfavorevole.IL bagno è esposto a nord-nord ovest secondo la bussola.Volevo sapere se èin una buona posizione e se bisogna considerare l’esposizione delle varie stanze secondo la bussola o secondo il bagua , visto che i punti cardinali sono nella posizione opposta. Come bisogna regolarsi ? grazie

    • Ciao Angela, devi prendere l’orientamento utilizzando la bussola, quindi secondo i punti cardinali. Nel Feng Shui, il Ba Gua deve SEMPRE essere orientato secondo i punti cardinali.
      So che su alcuni libri il Ba Gua viene proposto orientato secondo la parete ove si trova la porta d’ingresso. Ma questa è un’invenzione che risale al decennio 1980-1990, cioè circa 30 anni fa, avvenuta in California nel periodo di forte sviluppo della new age. L’unica scuola che utilizza questo approccio è la “Setta Tantrica Buddista dei Berretti Neri” fondata appunto in California in quegli anni.
      I maestri di Feng Shui non conoscono nemmeno questa variazione, e se la conoscono si fanno grosse risate.
      Il Ba Gua, da sempre, è stato orientato secondo le direzioni geografiche. I libri che riportano una versione diversa dovrebbero chiarire, per rispetto del lettore, che si tratta di una variazione moderna che risale solamente a qualche decennio fa.

      Per quanto riguarda il tuo bagno, le informazioni non sono sufficienti a dare una valutazione sensata. Nel caso tu riscontri un effettiva interferenza a livello economico, ti consiglio di provare a applicare i rimedi proposti nell’articolo.
      Saluti

      • grazie perche’ leggendo i vostri articoli mi avete aperto un nuovo mondo del feng shui,pero’ ora sono piu’ confusa che mai:avro’ letto al riguardo decine di libri e tutti posizionano il ba gua con il nord in corrispondenza della porta d’ingresso facendomi poi suddividere la casa di conseguenza(ecco forse perche’ dopo un anno non ho visto grandi risultati se non quello che mio marito poverino non ne puo’ piu’ di vedersi rigirare casa continuamente ed e’ solo 2 anni che ci abitiamo)e quando ho richiesto una consulenza a pagamento dalla spagna tramite web mi ha fatto la stessa suddivisione mettendomi poi una certa ansia perche’ in entrmbi sud-est ho il bagno e dormo sotto travi a vista(motivo proprio della scelta della casa in quanto innamorati del soffitto).Io e mio marito a causa di una brutta circostanza(ci hanno truffato) abbiamo gia ‘ perso una casa quindi puoi immaginare la nostra situazione economica ricominciando da zero.(diciamo che di certo la consulenza avuta non mi ha aiutato molto a livello di stato d’animo).che mi consiglieresti ? grazie

        • Sì, purtroppo c’è molta confusione. Molti degli stessi autori di testi di Feng Shui non conoscono la storia del Feng Shui, e nemmeno le origini di quello che hanno imparato, nè chiariscono che tipo di Feng Shui hanno imparato. Per esempio, tutti testi che riportano l’idea di posizionare il Ba Gua “con il nord in corrispondenza della porta d’ingresso” (il che in sé indica già l’assurdo della cosa: il nord è dove è; la porta di ingresso potrebbe essere posizionata a nord ma anche no, dipende), non fanno riferimento al Feng Shui, ma a una pseudo scuola che si è sviluppata in California (e da qui nel resto del mondo occidentale) a metà degli anni ’80 del secolo scorso, la Scuola dei Berretti Neri (il nome completo è “Setta Tantrica Buddista dei Berretti Neri”), che non è mai esistita in Cina né in oriente, non è conosciuta né riconosciuta dai maestri di Feng Shui, che tra l’altro non usano le tecniche di questa scuola, ma anzi le considerano del tutto scorrette e distaccate dalla tradizione. Purtroppo, questa scuola si è diffusa molto sull’onda del Feng Shui commerciale, così che al giorno d’oggi in Italia, troviamo addirittura dei consulenti che applicano questi metodi, del tutto inadeguati e assolutamente lontani da qualsiasi cosa che si possa definire “professionale”! Mi dispiace, ma ti posso confermare che questa impostazione è totalmente errata e deve essere abbandonata. Naturalmente nella Setta dei Berretti Neri non c’è solamente questo grosso errore, ma anche molti altri. A livello professionale, i maestri di Feng Shui sperano che nel tempo questa scuola semplicemente perda notorietà e sparisca, così come sarebbe giusto, perché ha portato solamente confusione, scompensi e ha condotto all’errore milioni di persone – cosa che del resto sta già succedendo perché le persone stanno iniziando a comprendere la differenza tra falso Feng Shui e Feng Shui autentico. Del resto lo stesso fondatore prima di morire ha ammesso che tutto ciò che aveva costruito era una farsa. Ci sono in Italia esperti che si proclamano taoisti, e nello stesso tempo applicano il Ba Gua posizionato sulla porta d’ingresso! Ma questa “idea” deriva appunto da Lin Yun, il fondatore della setta, che in California, ai bei tempi della New Age, si faceva chiamare “The Professor” (‘o professore, diremmo a Napoli…). Non c’entra nulla con i taoisti, che sono vissuti più di 2500 anni prima!! In effetti sono questi i segni che si devono guardare per capire se chi avete davanti è realmente un valido esperto di Feng Shui o, più semplicemente, un vero e proprio truffatore.
          Sei sicura di avere il bagno a sud est? Perché, se hai applicato il Ba Gua relativamente alla porta d’ingresso, è molto più probabile che il bagno non sia a sud est. Per quanto riguarda le travi a vista, ti consiglio di fare riferimento all’articolo http://www.creativefengshui.it/guide-pratiche/feng-shui-e-travi-a-vista/. Quello di spaventare i clienti con la minaccia delle travi a vista è un altro dei tipici segni dei falsi consulenti di Feng Shui. Scriverò un articolo a proposito a breve.

          • Che cosa vi posso consigliare? Personalmente, la cosa più intelligente è una lettura della vostra carta natale (astrologia energetica cinese), per comprendere il perché di ciò che è successo e se vi sono ancora rischi che questo si possa ripetere.

  • Grazie, molto interessante il vostro articolo.
    Mi permetto di fare due domande.
    Come prima cosa, vorrei sapere se avete pubblicato un testo completo di tutte queste informazioni sul feng shui. In tal caso vorrei acquistarlo.
    In merito alla posizione del bagno. Da poco vivo in un appartamentino di 42mq e lo spazio giorno dove mangio ha tre porte (principale di accesso, porta del cucinino e quella del bagno) nessuna di questa sta di fronte all’altra. Tuttavia il tavolo della é ahimè collocato di fronte alla porta del bagno. Posizione che non mi piace molto, ma non ho altre soluzioni per via delle dimensioni della stanza.
    Unica parete possibile é occupata dal divano, che non potrei collocare da nessuna altra parte per via delle dimensioni.
    Potrei spostare il tavolo (che ora è a ridosso della parete e comunque di fronte al bagno) al centro della stanza, ma sarebbe da intralcio e finirebbe comunque davanti alla porta della cucina.
    Un bel problema!
    Vi ringrazio in anticipo per la gentile attenzione.
    Mary

    • Ciao Mary,
      per l’elenco delle pubblicazioni puoi vedere http://www.creativefengshui.it/collaborazioni-editoriali/
      Se sei motivata e vuoi approfondire ti consiglio l’Audiocorso di Feng Shui. Per maggiori informazioni puoi scrivere a info@creativefengshui.it .

      Per quanto riguarda i tuoi spazi, mi sembra che tu abbia già fatto del tuo meglio. L’impossibilità di posizionare il tavolo in modo soddisfacente può indicare che in questo momento c’è una parte importante di te, interna, che non riesci a ben collocare rispetto a tutte le altre tue componenti psichiche. Direi che il tuo ‘fare’ non si armonizza con il resto del tuo essere. Devi però essere tu a fare i giusti collegamenti con gli ambiti della vita perché non ci conosciamo di persona e non so nulla della tua storia! Saluti

  • Buongiorno. Ho scoperto da poco il Vs sito e lo trovo interessante soprattutto perchè le questioni di Feng Shui vengono affrontate con del buon senso piuttosto che con dogmi intoccabili. Anche io mi trovo nella situazione di avere allineate porta d’ingresso-porta del bagno- WC- finestra del bagno. L’ingresso è a ovest, la finestra del bagno a est ed il bagno ha una forma stretta ed allungata in direzione est-ovest. Arredo e soffitto sono in legno, pavimento in cotto,i colori del bagno sono quindi il marrone ed il bianco, Il bagno è collocato al centro della casa, ma nella parete sud che confina con la sala, abbiamo installato una stufa a olle che, atraversando la parete, presenta le piastrelle calde sia in sala (dove c’è anche il portello di carico) sia in bagno dove abbiamo posizionato una panca che alla fine è diventata uno dei mobili più contesi in famiglia… Lo spazio in ingresso è poco e non posso mettere un tappeto di traverso tra le due porte perchè intralcerebbe l’apertura della porta d’ingresso. Posso ‘smussare’ un po’ la situazione in un qualche modo (oltre che tenendo la porta chiusa)? Grazie in anticipo. Sonia

    • Buongiorno Sonia,
      grazie per le tue considerazioni perché noi intendiamo il Feng Shui proprio in questo modo.
      Per quanto riguarda il tuo caso, se sull’allineamento non è presente anche il WC, non è così importante, a meno che la finestra del bagno non sia in realtà una porta finestra da cui all’esterno si veda un terreno in discesa. Naturalmente, la situazione che descrivi può essere problematica, se la esaminiamo sotto l’ottica del Feng Shui, perché mi sembra di capire che c’è davvero poca distanza tra la porta d’ingresso e la porta del bagno frontale. Tuttavia il bagno è un locale utilizzato: mi sembra anzi che sia diventato una specie di “sala da bagno”, quindi ha perso in parte la funzione di scarico. Perciò l’allineamento diventa meno significativo in quanto la funzione dell’ambiente bagno è stata in parte alterata.
      Oltre che tenere la porta del bagno chiusa, puoi provare due soluzioni:
      1) colorare tutta la porta dello stesso colore della parete;
      2) posizionare sulla porta del bagno, di fronte alla porta d’ingresso e centralmente, più o meno al livello degli occhi, un piccolo specchio ovale, oppure anche un qualsiasi altro oggetto prezioso o attraente che permetta di bloccare l’attenzione.
      Se la porta del bagno è a vetri, conviene sostituirla con una porta piena.
      Saluti!

  • Articolo molto interessante ed esaustivo. Grazie. Si pone una domanda alla mia attenzione.
    Sto traslocando in una casa con la mia compagna. La casa è una trifamiliare di proprietà della madre di lei, alla quale si accede da una porta (sud) comune con una scala. All’esterno c’è un cortile con un giardino di nostra proprietà. La scala porta su un pianerottolo con 2 porte di ingresso a sinistra (ovest- la nostra) e destra (est- dei vicini) ed il corridoio prosegue fino ad una porta a vetri (nord) che apre su uno spazio piccolo con un altra porta di fronte alla quale si accede al bagno, che è quindi fuori dalla casa. il bagno è stretto e lungo, in fondo al quale c’è un altra stanzetta ripostiglio. La situazione è complessa, interventi di muratura sono destinati ad essere svolti tra parecchi mesi per cui mi chiedevo se ci fossero dei rimedi contro questa mancanza di privacy.

    • Ciao Filippo, grazie dei complimenti. Per quanto riguarda il tuo caso, mi sembra che sia necessario effettuare degli interventi di muratura per collegare il bagno alla tua casa privata. Se questi sono già stati programmati, il nostro organismo si può adattare a passare alcuni mesi con una lesione della privacy. Naturalmente gli interventi vanno effettuati prima possibile. Sarebbe stato diverso se tu mi avessi detto che non intendevi mettere mano all’abitazione: in questo caso ti avrei consigliato di cambiare casa.

  • Buongiorno, sto ristrutturando casa, e una delle case coinvolte e’ proprio il bagno. Al momento il wc si trova a sinistra rispetto alla porta del bagno, nascosto da una rientranza, mentre la vasca da bagno e’ di fronte alla porta del bagno (e’ una stanza ampia).
    Per dare piu armonia all’insieme utilizzando il Feng Shui, il costruttore mi ha proposto di spostare la vasca da bagno sul lato dove ora e’ il wc e mettere il lavabo di fronte alla porta del bagno. Questo vorrebbe dire pero che entrando ci si trova davanti lo specchio del lavabo, e ho letto che avere uno specchio di fronte all’ingresso di una stanza non e’ buona cosa – vale anche per il bagno?. Inoltre volevo mettere delle mattonelle turchesi, che mi sembra sia raccomandato per il bagno. Il wc non sarebbe in asse con l’ingresso della stanza quindi non dovrebbero esserci problemi. Grazie!

    • Ciao Francesca,
      innanzitutto nel Feng Shui a livello professionale, in bagno gli specchi sono ammessi, senza grossi problemi, proprio perché il bagno è una stanza collegata alla fase Acqua. In genere, comunque, si consiglia che lo specchio più grande dell’abitazione non sia quello del bagno.
      È vero, un grande specchio di fronte all’ingresso di una casa – molto vicino all’ingresso – in genere non è considerato favorevole nel Feng Shui. Può dare l’impressione di essere “respinti indietro”. La stessa cosa può valere per una stanza importante. Diventa comunque sempre meno importante mano mano che le stanze scendono di rilevanza. Il bagno non è una funzione principale ma accessoria, e questo ci indica perché c’è più libertà nel posizionarvi gli specchi. Come vedete, lavorando per principi e priorità non è difficile arrivare a risolvere un problema di Feng Shui, teorico o pratico che sia.
      Un’ultima cosa da osservare è che lo specchio sarebbe posizionato sulla parete di fondo del bagno rispetto alla porta, e se si tratta di una stanza ampia questo è più che sufficiente.
      Per quanto riguarda il colore delle mattonelle, dipende da molte cose… Diciamo che non ci sono controindicazioni generali alle mattonelle turchesi in bagno.
      Se il wc è laterale alla porta e protetto da una spalletta o una rientranza, è ottimo!

  • Buongiorno, vorrei sapere la collocazione esatta dei mobili e la mia posizione migliore, mi dovranno spostare in un nuovo ufficio con parete dell’edificio a vetri e due finestre verso ovest e porta della mia stanza d’entrata scorrevole verso est.
    Grazie
    Martina

    • Buongiorno Martina,
      è difficile dare un consiglio così su due piedi, comunque penso che le due posizioni migliori sono nord -> sud o sud -> nord, in modo da poter tenere sotto controllo la porta scorrevole e la vetrata. Scegli come preferisci. Se il tuo lavoro prevede di ricevere clienti, conviene sistemare la scrivania nella posizione che guarda verso l’apertura della porta.

      • Buongiorno
        La ringrazio moltissimo per la celere risposta, immagino sia un pò difficoltoso rispondere, anche perchè penso si debba tener conto anche di tante altre componenti.
        Leggo da poco il Vostro blog e lo ritengo molto interessante, e Vi faccio i complimenti per la Vostra professionalità.
        Per iniziare mi disporrò come mi ha consigliato Lei e successivamente, “studiando” i Vostri consigli, cercherò di colmare alcune lacune, ma Vi disturberò al più presto.
        Grazie ancora

Lascia un commento