Funzioni abitative Guide pratiche

Feng Shui: l’orientamento del letto per dormire bene

Eccoci al terzo dei quattro articoli dedicati al posizionamento e all’orientamento del letto secondo il Feng Shui. Prima di procedere, se non l’avete ancora fatto, consiglio di leggere accuratamente i due precedenti articoli sulla posizione della camera da letto e sul posizionamento del letto secondo il Feng Shui.

La direzione della testata del letto

Orientamento del letto con il Feng Shui

In questo articolo parleremo invece di un altro argomento ‘scottante’: l’orientamento del letto (orientamento o direzione della testata del letto). Scottante perché l’uso dell’orientamento può essere in contrasto con altre teorie del Feng Shui, e perché all’orientamento del letto viene di solito attribuito un valore eccessivo. Risponderemo anche a molte domande che ci sono giunte dei lettori.

Quando parliamo di orientamento del letto, facciamo riferimento all’orientamento geografico (la misura si prende con una bussola, o con il Lo Pan); non facciamo riferimento al Ba Gua posizionato secondo la posizione della porta d’ingresso, metodo facente parte della scuola denominata ‘Setta Tantrica Buddista dei Berretti Neri’ e inventato intorno al 1985 in California, in quanto semplicemente non attinente al Feng Shui autentico.

Inoltre, qui ci limiteremo a 8 direzioni (nord, nord est, est, …), ma le applicazioni avanzate prevedono l’uso di 24 direzioni specifiche, o ancora di più.

Le priorità in camera da letto secondo il Feng Shui

Se avete letto i due articoli precedenti, sapete già che nel Feng Shui professionale è scorretto lavorare con tecniche e metodi: bisogna procedere per principi e priorità. Nel nostro caso, la priorità n.1 è quella di valutare la posizione della camera rispetto alla porta d’ingresso, per evidenti motivi di sicurezza; la priorità n.2 è quella di valutare la posizione del letto rispetto alla camera; la priorità n.3 è quella di valutare l’orientamento del letto (direzione della testata del letto). In quest’articolo tratteremo il punto 3. Più avanti pubblicheremo anche un articolo dedicato specificamente al Feng Shui per la cameretta dei bambini.

Come si vede, l’orientamento della testata del letto ha priorità 3: ciò significa che se le priorità 1 e 2 sono state rispettate, e se abbiamo ancora possibilità di scelta tra più posizioni, allora è importante scegliere l’orientamento migliore. Se, però, applicando le priorità del Feng Shui 1 e 2 abbiamo trovato una unica posizione possibile per il letto (questo succede quasi sempre se la camera da letto non è molto grande), l’orientamento è già definito e questa parte si può tralasciare, con alcune eccezioni di cui parleremo dopo.

In sostanza, per quanto riguarda il comfort e la tranquillità nel sonno, la direzione non è molto importante.

Che cosa si intende come orientamento del letto secondo il Feng Shui? 

Quando siamo svegli (yang) e lavoriamo ad una scrivania, stiamo attivando il nostro futuro e quindi consideriamo come direzione più importante della scrivania quella in avanti, di fronte a chi sta seduto.

Quando dormiamo dobbiamo invece recuperare le nostre energie (yin) e riconnetterci con le nostre radici (passato, origini), perciò la direzione più importante è quella alle spalle, ossia verso la nuca (direzione della testata del letto). In alcuni casi nel Feng Shui si considerano due direzioni (nuca e piedi), ma si tratta di applicazioni avanzate.

Che cosa dice la scienza

Feng Shui direzione della testata del lettoÈ solo da pochi anni che la scienza sta iniziando a capire qualcosa sul fenomeno “sonno”. Fino a poco tempo fa, infatti, l’idea che la qualità del sonno potesse essere diversa secondo la direzione in cui si orienta il corpo era semplicemente derisa a livello scientifico (senza peraltro che ve ne fosse una ragione chiara). Invece, studi condotti negli Stati Uniti d’America negli anni ‘70 e replicati in Europa qualche decennio dopo hanno dimostrato che dormire con la testa a nord aumenta la durata del sonno REM. Il sonno REM è quello più profondo, ritenuto importante per il corretto ripristino delle forze nell’individuo. Tuttavia, si tratta di un lieve aumento. Anche dormendo con la testa verso est si ha un aumento del sonno REM, che in questo caso è ancora più lieve.

Sembrerebbe quindi che gli esseri umani abbiano delle cellule che funzionano come magnetorecettori, così come si sospetta da tempo, considerando anche che, in base a indicazioni indirette, pare che anche altri mammiferi abbiano questa capacità (per esempio, mucche e cervi). L’idea, quindi, che la direzione testa-piedi influenzi il sonno sembra essere sempre più plausibile.

Dormire con la testa a nord

In effetti, il sonno con la testa a nord sembra essere il più riposante di tutti. Si tratta dell’orientamento tradizionalmente consigliato in Europa. Tuttavia, questo sonno potrebbe essere troppo riposante, cioè essere adatto a persone che svolgono lavori fisici molto pesanti, come muratore, carpentiere, eccetera.

Per le persone che svolgono un lavoro d’ufficio, o un lavoro che non richiede un grande impegno fisico, sembra preferibile la direzione est, che è sempre corroborante ma lascia la mente più attiva e più lucida.

Le direzioni sud e ovest, invece, sarebbero da evitare.

Vastu e Feng Shui

Come la pensano invece in oriente? Secondo il Vastu Shastra (disciplina indiana paragonabile al Feng Shui) la direzione migliore per la testata del letto è il sud. Questo perché la mente, che risiede nel cervello (testa), viene considerata di polarità negativa a livello magnetico, e quindi si combina meglio con il polo sud positivo. Dormire con la testa a nord viene considerato sfavorevole e foriero di difficoltà nella vita. Una visione diametralmente opposta a quella europea!

Il Vishnu Purana, considerato uno dei più importanti testi religiosi Hindu, afferma: “è benefico riposare con la testa verso est o verso sud. L’uomo che si addormenta con la testa posizionata in direzioni contrarie si ammala”.

Testa a nord o a sud?

Come se non bastasse, nel 2009 alcuni scienziati e ricercatori medici indiani hanno effettuato un esperimento su sonno, utilizzando 40 donne e chiedendo loro di dormire a turno per 12 settimane consecutive in una delle quattro direzioni geografiche. Questa volta, però, non si studiava la qualità del sonno ma l’effetto che il sonno avrebbe potuto avere sulle persone. Sono stati misurati diversi parametri chimici e ormonali e il risultato – indovinate un po’! – è stato che la direzione significativamente migliore verso cui dormire è il sud, mentre il nord aumenta gli ormoni dello stress. Il nord sarebbe quindi la peggiore direzione in cui dormire!

Possiamo affermare tranquillamente che, al momento, la scienza brancola nel buio al riguardo. Essendo la letteratura su sonno e direzioni geografiche molto scarna, la scienza non ci può aiutare.

Come si spiega la differenza tra oriente e occidente?

In occidente, di solito si consiglia di dormire con la testa nord; in oriente con la testa a sud. Come si spiega questa contraddizione?

Feng Shui letto testa a nord

La spiegazione più semplice è che per noi potrebbe essere indicativamente meglio dormire con la testa a nord, mentre per gli orientali con la testa a sud. Gli occidentali, tendenzialmente più aggressivi e con un maggior livello di testosterone, potrebbero preferire un sonno più profondo mentre gli orientali, meno aggressivi, potrebbero aumentare lo yang nella propria vita dormendo con la testa a sud.

In realtà, vi sono moltissimi fattori che influenzano il sonno, perciò è molto difficile identificare quale è il più importante, anche perché sicuramente questo varie varia da persona a persona, e per la stessa persona, anche da momento a momento nella vita.

Inoltre bisogna distinguere tra qualità del sonno ed effetto del sonno a lungo termine. Molte volte non è chiaro di cosa si sta parlando, e anche questo induce confusione.

Un passo avanti con il Feng Shui

Nel Feng Shui, per quanto vengano in genere rispettate le indicazioni provenienti dalla cultura orientale, si fa un importante passo avanti. Si arriva infatti ad affermare che le direzioni favorevoli e sfavorevoli sono personalizzate; più in specifico, per una certa persona alcune direzioni sono più adatte per ottenere determinati esiti nella vita, mentre altre sono meno adatte.

Le teorie di base si limitano a otto direzioni, ma è possibile operare anche con 24 direzioni, anzi questa è probabilmente la suddivisione che ottiene maggiore effetto. Inoltre, nel Feng Shui (e nell’astrologia cinese, il Ba Zi, un potente strumento di analisi da integrare con il Feng Shui) è accettata l’idea che, in diversi periodi della vita, possiamo avere bisogno di cambiare l’orientamento del letto.

Per quello che è la nostra esperienza, questa ci sembra la posizione più logica e più confermata dai dati sperimentali. Vediamo quindi il punto di vista del Feng Shui.

In che modo ci influenza il letto, secondo il Feng Shui? 

Feng Shui disposizione lettoL’attività decisamente prevalente che svolgiamo in camera è il riposo, il recupero delle forze, la rigenerazione del corpo e della mente, l’accumulo di energie per affrontare un compito importante. E per le donne, anche il concepimento e la gravidanza, che richiedono molta energia. Quindi, nel Feng Shui il sonno influenza tutto ciò che è correlato alla salute, alla famiglia, all’intimità e alla vita privata.

Perciò è un po’ illusorio pensare di orientare il letto nella direzione personale del ‘successo’ o dei ‘soldi’, e di avere un grande effetto! Così come, di converso, è ridicolo pensare che l’orientamento della scrivania (che usiamo in stato di veglia) influenzi il nostro sonno e le attività correlate.

Naturalmente è possibile orientare il letto verso una direzione legata a soldi o successo, calcolata con il Feng Shui, ma a questo punto – visto che già c’è una contraddizione nell’utilizzo, e visto che i soldi e il successo non si usano mentre si dorme – se proprio si vuole usare il letto per perseguire questi fini (la scrivania è molto più importante), è necessario usare l’orientamento in avanti (dei piedi). Soldi e successo, infatti, riguardano la vita esterna, sociale, pubblica della persona.

Proprio per questi motivi, d’ora in avanti in questo articolo ci concentriamo invece sull’utilizzo della direzione della testata del letto per quanto riguarda la salute, la rigenerazione, la famiglia, e la possibilità di entrare in stato di gravidanza: tutte attività riservate e yin, secondo il Feng Shui.

Le direzioni personali favorevoli e sfavorevoli e il Metodo degli Otto Palazzi

Prima di procedere, dobbiamo esaminare velocemente le ben conosciute ‘8 direzioni personali’ (favorevoli e sfavorevoli). Dico ‘ ben conosciute’ perché chiunque si sia interessato un poco di Feng Shui, prima o poi incontra questa teoria, che deriva storicamente da un metodo Feng Shui sviluppato e reso pubblico circa 4-5 secoli fa: il Ba Zhai o “Metodo degli 8 Palazzi” (o “Metodo delle 8 Case”). Successivamente, da questo metodo sono state tratte delle semplificazioni (come, appunto, le 8 direzioni favorevoli e sfavorevoli, il metodo delle case est/ovest, eccetera).

Vi sono forti possibilità che il metodo stesso (mi riferisco all’originale Ba Zhai) sia errato o incompleto, o addirittura che sia un testo errato di Feng Shui creato appositamente per confondere i nemici, su ordine di un antico imperatore della Cina. Ma tralasciamo momentaneamente questo aspetto finchè non avremo una certezza storica al riguardo.

8 direzioni, Ming Gua e Feng Shui

Nel Metodo Feng Shui delle 8 Case, le persone sono classificate in 8 tipologie (associate ai numeri da 1 a 9 – escluso il numero 5 – ed ai corrispondenti trigrammi), in base all’anno di nascita. Il numero associato ad una persona si chiama numero Kua (o Gua, Kwa) o Ming Gua (più avanti pubblicheremo un articolo dettagliato sul calcolo del Ming Gua).

Ad ogni numero Gua sono associate 4 direzioni favorevoli e 4 sfavorevoli; in ogni caso le otto qualità di energia possono essere elencate dalla più sfavorevole alla più favorevole, come ho fatto qui sotto. Le 8 qualità, associate nel Feng Shui di volta in volta alle 8 direzioni secondo il Ming Gua, sono:

SHENG QI: Soffio Rigeneratore (in genere considerato molto favorevole)

YEN NIEN: Lunga Vita (molto favorevole)

TIEN YI: Dottore Celeste (favorevole)

FU WEI: (Posizione Nascosta) – Direzione della Vita (neutra)

HUO HAI: Incidenti e Sfortuna (leggermente sfavorevole)

LIU SHA: Sei Maledizioni (sfavorevole)

WU KWEI: Cinque Fantasmi (molto sfavorevole)

CHUEH MING: Perdita Totale, Catastrofe (molto sfavorevole)

Una buona direzione è davvero sempre buona?

Come sappiamo, nel Feng Shui non esistono i concetti di giusto/sbagliato e buono/cattivo, ma solamente di appropriato/inappropriato. Perciò, per fare un esempio, anche se in generale Sheng Qi è considerato favorevole, per alcuni obiettivi è inadeguato e può avere effetti negativi; viceversa, Liu Sha è considerato sfavorevole ma può invece essere molto buono per alcune attività o situazioni particolari.

Nel nostro caso, parlando del letto e di vita privata (non lavorativa), per semplificare faremo sempre riferimento all’elenco qui sopra.

Come usare le direzioni Feng Shui favorevoli e sfavorevoli

Vediamo ora un esempio. Sheng Qi ha capacità rivitalizzanti, attira il nuovo, invita le novità e favorisce i cambiamenti, gli studi e le nuove partenze. Se una donna vuole concepire, può utilizzare la direzione Sheng Qi come orientamento della testata del letto. Così come se vuole recuperare le forze, o rinforzare la salute di una persona in convalescenza.

Se invece si utilizza la direzione Sheng Qi non come testata ma ‘verso i piedi’, si influenza la vita attiva, esterna. Ciò potrebbe favorire cambiamenti e novità sul lavoro o nelle relazioni, ma come già detto questo esito è poco probabile in quanto dal punto di vista del Feng Shui il letto (ed il sonno) sono molto poco collegati all’attività lavorativa.

Si può però utilizzare la direzione frontale Sheng Qi quando si posiziona una scrivania di lavoro, e questo influenzerà l’attività lavorativa (e poco o nulla il sonno).

Come attivare una direzione con il Feng Shui

Questo è il piccolo segreto Feng Shui che voglio condividere in questo articolo… non basta orientare il letto (o qualunque altra postazione fissa) in una certa direzione: per funzionare, la direzione deve essere opportunamente attivata, con oggetti o simboli che richiamino la funzione e l’obiettivo che si vuole raggiungere.

Feng Shui dormire bene testa a nordPer attivare una direzione , nel Feng Shui professionale si utilizza la Date Selection, cioè si calcola una data ed un’ora ideali per attivare la direzione. Si tratta di un’attivazione abbastanza forte, ma va fatta utilizzando almeno 24 direzioni spaziali e 22 archetipi temporali. Naturalmente, prima è necessario sapere quale direzione attivare e se può essere attivata: e questo ce lo possono dire solamente l’astrologia cinese (Ba Zi, tradotto comunemente come “Quattro Pilastri del Destino”, il massimo livello di personalizzazione) ed il Feng Shui.

Se invece ci si limita a girare il letto in una delle direzioni favorevoli quando capita, bisogna avere la fortuna di farlo in una data e un’ora neutra o almeno non sfavorevole (il che non è poi così improbabile), e attivare la direzione con un simbolo, un decoro, un arredo o un oggetto appropriato. Proprio per questo motivo, non sempre spostare il letto o la scrivania seguendo le regole del Feng Shui funziona bene. Il fattore ‘tempo’ è determinante: gli archetipi che stanno dominando in quel momento a livello temporale potrebbero non essere d’accordo sull’attivazione della direzione.

Come utilizzare praticamente le 8 direzioni favorevoli e sfavorevoli

Se c’è scelta tra più direzioni, il Feng Shui consiglia di scegliere quella più favorevole.

Se il letto non si può spostare e la direzione è buona, neutra o leggermente sfavorevole, per il Feng Shui non c’è problema.

Se il letto non si può spostare, e l’orientamento è in una delle due peggiori direzioni (Wu Kwei e Chueh Ming), si può utilizzare un simbolo protettivo sopra la testata del letto (attenzione: non deve essere qualcosa di pesante o incombente!), posizionato con l’intenzione di proteggere.

Dormire con la direzione della testa a nord

Orientamento e disposizione del letto con il Feng Shui Non esiste alcun libro di Feng Shui che indichi la necessità di dormire con la testa a nord. Del resto, se ognuno ha direzioni personali favorevoli e sfavorevoli, che cambiano secondo il Ming Gua (numero Gua personale annuale), come si può pensare che il nord sia una direzione sempre e comunque buona per tutti?! Per qualcuno il nord sarà associato le direzioni più negative: Wu Kwai, o Chueh Ming…

L’idea che bisogna dormire assolutamente con la testa a nord è semplicemente errata e non proviene dal Feng Shui: esistono direzioni alternative ugualmente buone e, in ogni caso, non tutti quelli che dormono con la testa a nord hanno un sonno soddisfacente, e non tutti quelli che dormono con la testa a sud o ovest dormono male. Tuttavia, questa idea è diventata un vero e proprio diktat: anni fa scrissi un articolo su una nota rivista italiana in cui trattavo questo argomento, chiarendo che si tratta di una falsa idea, e il redattore si sentì in dovere di correggermi (senza avvertirmi, ovviamente)!

In genere è nei libri di bioarchitettura, radiestesia o geobiologia che si riporta “la regola della testa a nord”, ma nonostante il gran numero di testi che ho consultato, non viene mai riportata una motivazione credibile di questa affermazione. Le varie ipotesi citate nei libri (come quella dell’allineamento con il campo magnetico terrestre che agirebbe sull’emoglobina del sangue, contenente ferro) non sono valide perché, appunto, sono solo ipotesi e non teorie confermate.

Sperimenta su te stesso

Un consiglio che mi sento di dare a tutte le persone che viaggiano è quello di annotare come si dorme quando si cambia direzione della testa. La stessa cosa si può fare in vacanza o in situazioni informali e/o momentanee in cui è possibile dormire in una posizione diversa da quella che abbiamo a casa.

Dobbiamo imparare a conoscerci: se ci accorgiamo di un sonno particolarmente rilassante e diverso dagli altri, è importante annotarsi la direzione del letto. Per fare questo, è sufficiente portare con sé una piccola bussola (elemento indispensabile per chi si interessa di Feng Shui!)… poi proveremo a replicare a casa l’orientamento per vedere se ci dà lo stesso effetto oppure no.

Metodo pratico per orientare il letto (direzione della testata) secondo il Feng Shui

Abbiamo visto che la scienza non ci può aiutare; abbiamo visto che il Feng Shui è uno strumento più evoluto e ci offre orientamenti personalizzati. Tuttavia, l’effetto di queste direzioni non è ancora certo dal punto di vista sperimentale; inoltre, per chi non pratica Feng Shui professionalmente potrebbe essere difficile applicare il metodo.

Per questo motivo, vogliamo riassumere quanto detto in quest’articolo e fornire alcune semplici indicazioni finali su come procedere per orientare la testata del proprio letto, utilizzando il Feng Shui.

Bisogna innanzitutto tenere presente che non è assolutamente obbligatorio dormire con la testa a nord; inoltre, la posizione della camera da letto rispetto alla porta d’ingresso e la posizione del letto all’interno della camera, secondo il Feng Shui autentico, hanno decisamente la priorità rispetto a quella dell’orientamento del letto.

Non posizionare mai il letto in una posizione scomoda, esposta o sgradevole solo per avere la testa in una determinata direzione, anche se la direzione è favorevole!

Considera questo: se gli effetti di una direzione particolare fossero netti e incontrovertibili, è evidente che ce ne saremmo accorti tutti da tempo. Se c’è confusione e discordia perfino tra scienziati, vuol dire che gli effetti della direzione sono trascurabili rispetto agli altri fattori che ho indicato qui sopra.

Volendo comunque dare alcune indicazioni generali, possiamo dire che nel Feng Shui si considerano le direzioni nord, nord ovest e nord est buone e riposanti; anche est e sud est vanno bene e lasciano la mente più attiva e dinamica. La direzioni sud è molto attivante e non va bene per tutti. Sud ovest e ovest in generale sono invece sconsigliate, anche se potrebbero andare bene per alcune persone. Ad ogni direzione poi sono associate specifiche qualità del sonno.

Orientamento della testata del letto e otto direzioni: vantaggi e svantaggi

Testata del letto rivolta a nord: offre un sonno profondo e ristoratore, è adatta alle persone che fanno lavori fisici pesanti e coloro che soffrono di insonnia, va bene anche per i bambini che hanno frequenti risvegli notturni. Se una persona è già tranquilla, può causare perdite.

Testata del letto rivolta a nord est: posizione che attiva molto l’attività onirica e gli incubi. Si può utilizzare se si vuole sognare di più e ricordare i sogni. Secondo il Feng Shui, non è adatta alle persone mentalmente instabili o che attraversano un periodo di crisi psicologica o emozionale.

Testata del letto rivolta a est: una buona direzione per bambini e giovani. L’est porta dinamicità, sviluppo, ottimismo. Favorisce l’attività intellettuale, gli studi e una mente attiva. Sconsigliata per persone che soffrono di insonnia, ansiose o nervose.

Testata del letto rivolta a sud est: una posizione più buona di quanto si pensi, adatta ai giovani, favorisce una vita serena e armoniosa.

Testata del letto rivolta a sud: secondo il Feng Shui, si tratta del punto più attivo. Non viene favorito il sonno profondo. Può indurre all’iperattività. È adatta per persone molto tranquille, abitudinarie o sonnolente. Sconsigliata per gli altri.

Testata del letto rivolta a sud ovest: questa direzione può essere molto buona per alcuni e molto fastidiosa per altri. Questo va verificato livello personale.

Testata del letto rivolta ovest: è la direzione in cui il sole cala e si perde forza. Può causare pigrizia, indolenza, inattività. Aumenta le preoccupazioni. Non va male per gli anziani.

Testata del letto rivolta a nord-ovest: si tratta di una direzione importante, più indicata per adulti o anziani. Dà un sonno profondo e una sensazione di sicurezza. Favorisce una vita serena e ordinata ma non favorisce il prendere sonno.

Domande o dubbi? Lascia un commento qui sotto!

Informazioni sull'autore

Stefan Vettori

Stefan Vettori

Penso che il mio viaggio nel Feng Shui sia iniziato quando, da piccolo, mi sono chiesto: ma perché le città sono tanto brutte? Possibile che non facciano stare male nessun altro oltre a me? Possibile che nessuno preferisca forme e colori più gradevoli, più morbidi?

25 commenti

    • Ciao Mario e grazie dei complimenti, pubblicheremo a breve un articolo dove spieghiamo come calcolare in modo semplice il proprio Ming Gua (numero kua personale), e anche altri numeri kua collegati alla persona. Continua a seguirci!

          • Questo articolo, che era un po’ vecchio, è stato momentaneamente rimosso e sarà ripubblicato a breve, più approfondito e diviso in due o tre articoli più brevi. Se sei iscritta alla newsletter riceverai tutte le informazioni al riguardo. Saluti!

  • Articolo molto interessante, infatti mi avete scombinato quelle due o tre idee che credevo di avere riguardo al feng shui. Credetemi, sono contenta! Erano idee basate sul “sentito dire” o frutto di letture frammentarie e, per me, poco soddisfacenti. Ora occorrerebbe approfondire, occorrerebbe un corso, almeno di base! Ma… Quanto costano i vostri corsi? Il corso che ho letto terrete a Bologna in autunno sarebbe interessante per me che abito a Modena ma ..il lavoro langue e quindi devo pensarci molto bene. Fatemi sapere i costi le date ele location. Saluti cari luisa benatti architetto.

  • Sono Marcello Milazzo di Roma e ho già frequentato il vostro corso base e il corso avanzato con Marzia Mazzi.
    Vorrei portare il mio contributo alla questione della direzione della testata del letto perché mi riguarda direttamente per motivi di lavoro.

    Da tre anni sono consulente di una azienda veneta che si occupa da circa 25 anni di inquinamento elettromagnetico e che ha avuto vari riconoscimenti internazionali per i suoi brevetti e le sue ricerche. In base alle ricerche di questa azienda dormire con la testa a nord non è la solita leggenda metropolitana ma porta un beneficio effettivo, tanto che lo stesso principio è stato sfruttato per il brevetto più importante dell’azienda stessa.

    Questa è la spiegazione: come sappiamo la Terra è come un grande magnete con un polo nord magnetico e un polo sud magnetico. Quindi è percorsa in direzione nord-sud da linee di forza magnetiche che sono appunto quelle percepite dalle bussole. Questo flusso magnetico terrestre nord-sud ha la caratteristica di essere un flusso stabile, continuo e orientato.
    Anche le cellule umane hanno un funzionamento magnetico, ben spiegato da Ilya Prigogine, premio nobel 1977 in chimica per le strutture dissipative, dovuto a un differenziale magnetico tra l’interno della cellula (di segno negativo) e la membrana esterna (di segno positivo). Mediante questo differenziale magnetico la cellula può essere attraversata dalle energie ed avere uno scambio energetico con l’ambiente.

    Dormendo con la testa a nord, cioè allineati con il flusso magnetico terrestre, le nostre cellule subiscono un orientamento magnetico che le fa vibrare in modo coerente, e questa coerenza porta l’organismo al massimo delle sue potenzialità di forza, equilibrio, difesa dall’esterno.
    Va anche detto che purtroppo nell’ultimo secolo, come evento ciclico del pianeta, la forza del campo magnetico terrestre si è indebolita del 50%.

    Il brevetto che sfrutta questo principio è una stuoia coprimaterasso che riproduce sul letto un campo isolato con il nord sempre verso la testata, quindi all’interno del letto c’è un flusso magnetico nord-sud indipendente dalla vera direzione del letto. Questo è di tale rinforzo per le cellule che esse non risentono di nessun inquinamento elettrico od elettromagnetico e il sonno riesce ad essere veramente rigenerante e a ripulirle finalmente dall’accumulo di frequenze elettromagnetiche naturali e artificiali. Questo risultato è scientificamente dimostrabile con appropriati test medici (es.: MORA test).

    Ora bisogna vedere tra il nord magnetico e le varie direzioni del feng-shui qual’è la soluzione più “concreta” rispetto all’efficacia.
    Devo però aggiungere che quasi sempre il dormire male non dipende semplicemente dalla direzione in cui si dorme ma dall’inquinamento elettromagnetico artificiale in cui siamo immersi 24 ore su 24, inquinamento che non c’era nei secoli in cui si è sviluppato il Feng-Shui.

    Saluti
    Marcello Milazzo

  • Salve, avrei bisogno di una vostra dritta: sto rinnovando la mia camera, premetto che sono una ragazza di 18 anni e che finora ho avuto il letto a soppalco, le pareti tinte di verde e di blu il soffitto (entrambi colori abbastanza scuri e devo riconoscere che sono sempre stata eccessivamente introspettiva); adesso però ho sentito il bisogno di ‘azzerare tutto’ e di ripartire con una tinta neutra. Ho infatti tinto tutto di avorio, un colore che trovo caldo e avvolgente. Per l’arredamento pensavo a uno stile un po’ minimal e soprattutto naturale ma mi chiedevo: come dovrebbe essere la struttura del letto? So che deve essere abbastanza alta da far fluire le energie, ma per abbastanza cosa si intende?
    Mi sarebbe piaciuto tantissimo un letto basso, ma a quanto ho capito non è una buona idea

    Un abbraccio,
    Rossella

    • Ciao Rossella!
      Il rinnovamento della camera nel Feng Shui è importante perché in genere corrisponde a un rinnovamento o a una rinascita interna. La camera da letto infatti è anche collegata alla nostra parte più profonda, emotiva e istintiva. Per quanto riguarda il colore e l’arredamento le tue scelte mi sembrano adeguate, soprattutto per il fatto che percepisci il colore come favorevole a te a livello istintivo.
      Per quanto riguarda l’altezza del letto, sono ammessi anche i letti appoggiati a terra al giorno d’oggi. Per questo però è sempre meglio verificare che non ci siano problemi di umidità in casa. Dal secondo piano in su in genere questo problema non si pone.
      Per quanto riguarda l’altezza massima del letto, deve essere quella per cui ti è comodo salirci sopra quando vai a dormire. Più di così, diventa troppo scomodo!
      Per quanto riguarda la testata, secondo il Feng Shui autentico l’importante è introdurre nell’ambiente la sensazione di protezione e accoglienza alle nostre spalle. In questo senso, la testata dovrebbe essere sempre ben marcata e presente. Può essere di legno, ma questo non è necessario, e le testate con cuscini appesi vanno benissimo.
      Saluti e auguri per il tuo rinnovamento!

  • salve,
    scusate la domanda sul Feng Shui…magari un po’ assurda….
    Non potendo cambiare la posizione del mio letto, gli effetti positivi varrebbero anche se al posto del letto spostassi me stessa? Mi spiego…Se invertissi la testa al posto dei piedi senza invertire il letto stesso potrebbe andare bene ugualmente? La testata del mio letto è rivolta a sud ed effettivamente il mio sonno non è molto riposante! Quindi pensavo che non potendo spostare il verso del letto potevo coricarmi io nel verso opposto.
    Vi ringrazio per l’attenzione accordatami.
    Claudia

    • Ciao Claudia,
      in questo caso avresti la testa scoperta, e forse anche vicina alla porta d’ingresso della camera da letto. Non si tratta di una posizione consigliata secondo il Feng Shuj. Ti consiglio però di provare a dormire invertendo la posizione del corpo, senza invertire quella del letto, per qualche settimana. Se vedi un miglioramento effettivo del sonno (che quindi può ragionevolmente essere attribuito alla direzione in cui si allinea il tuo corpo) a quel punto potrai davvero valutare se è il caso di modificare la camera, per posizionare il letto nella nuova direzione.
      Ciao!

  • Molto interessante io ho dei dubbi con la mia camera, io dormo con testa a nord però dormo male (ho incubi), poi ho letto attaccato al muro perchè sento sempre di appoggiare a qualcosa, se no mi sento insicura. Io sono nata in 19 luglio 1967 aspetto una vostra risposta grazie mille

    • Ciao Carmen,
      è corretto tenere la testata del letto contro il muro, tutti noi esseri umani abbiamo bisogno di questa disposizione per sentirci al sicuro.
      Per quanto riguarda il sonno, i fattori che lo influenzano sono moltissimi, e molto raramente la direzione della testa è il fattore dominante. Ti consiglio di verificare, intanto, se dormi male ovunque o solamente a casa tua; in secondo luogo se dormi male solo nella tua stanza o anche in altre stanze della tua casa. Questo ti aiuterà a capire meglio come agire per migliorare la qualità del tuo sonno.
      Buona giornata

  • Buonasera, ho letto con vivo interesse tutti gli articoli che riguardano la camera da letto e l’orientamento del letto. Sono anni che sento parlare di Feng Shui senza approfondire, ma ora pur di risolvere un certo problema che mi affligge le sto provando tutte. Da quando sono arrivata in questa casa nuova non riesco a riposare bene, ho spesso mal di testa, sento tutti i muscoli facciali sempre contratti mentre dormo…non riesco ad assumere una posizione rilassante per il viso e ultimamente mi sveglio la notte perché mi gira la testa e con la testa mi gira tutto: letto, parete, casa…è così nauseante la sensazione da svegliarmi. Ho cambiato i cuscini la prima e anche la seconda volta…e ora anche la posizione del letto…non potendo cambiare la posizione delle porte e della camera da letto. Chi entra dalla porta principale vede subito la camera da letto e il letto..e anche io, se sto a letto, vedo la porta d’ingresso di casa. Questa cosa mi stava diventando una fissazione..così ho spostato i mobili: il letto che era di fronte alla porta della camera ( e quindi anche della porta d’ingresso) e con la testata rivolta a sud est l’ho posizionato a nord est nella parete accanto alla porta..ora non vedo più la porta della camera ma la finestra che dà sul balconcino. La camera ha però perso un po’ in armonia..è un po’ ” arrangiata”. E’ senza senso quello che ho fatto secondo il feng shui?

    • Ciao Anna Maria, capisco la tua frustrazione perché sono situazioni che possono capitare. Il disturbo nel sonno potrebbe essere dovuto a vari fattori. Se hai riscontrato un miglioramento dopo la redisposizione della stanza, probabilmente il problema era proprio l’allineamento della porta con la porta d’ingresso, e in questo caso si tratta di un buon intervento. Naturalmente, dovrai prenderti tempo per vedere se puoi sistemare meglio gli arredi.
      Se invece continui ad avere disturbi, anche in base a quello che mi hai scritto, ti consiglio di contattare un esperto geobiologo. Ne puoi trovare uno sul sito http://www.geobiologia.it/ dell’Istituto Gea, un’associazione con cui collaboriamo composta da geobiologi professionisti. Ti do questo consiglio perché – al di là del Feng Shui – potrebbero esserci delle tematiche di flussi d’acqua sotterranei o conformazioni telluriche molto forti, che è meglio verificare per la tua salute. Ciao!

  • Buongiorno a tutti, mi sto occupando della ristrutturazione della casa di mio figlio perché lui è fuori sede. E’ un bilocale piccolino e vorrei che lui si possa sentire bene a casa sua.
    Lui ha 25 anni e io ben 60.
    Help meeeeee!!!!!!

    • Buongiorno Rosalba,
      le tue intenzioni sono lodevoli ma sarebbe meglio che se ne occupasse lui in prima persona, perché presumo che la casa sarà abitata solo da lui e non da te. Se una persona non trova il tempo di sistemare la propria abitazione, significa in generale che nella vita non trova il tempo per occuparsi e dedicarsi a se stessa. Sarebbe quindi preferibile che lui intervenisse per lo meno per quanto riguarda le scelte principali.
      In ogni caso, visitando questa sezione di articoli e video sul Feng Shui troverai molti spunti per arredare correttamente il bilocale. D’altro canto le informazioni che fornisci sono davvero minime e non è possibile con così poco indicare come procedere, se non con indicazioni generali che trovi appunto in tutti gli articoli di questa sezione.
      Presto comunque pubblicheremo dei manuali dedicati sul colore, sulla disposizione del letto, eccetera!
      Buona lettura e buon lavoro con il Feng Shui!

  • buongiorno,
    avrei bisogno di un consiglio per la cameretta di mio figlio di 18 mesi che si sveglia la notte!!
    il problema è che si addormenta in genere senza problemi, ma nel cuore della notte si sveglia e spesso non vuole più riaddormentarsi per anche due tre ore, oppure si sveglia due tre volte.

    La cameretta non è grandissima, ma nemmeno troppo piccola, rettangolare, giusta per un bimbo piccolo, tutte pareti chiare bianco panna e una giallo chiaro delicato, con il parquet in terra.
    La porta d’entrata sul lato corto con la finestra in fondo sull’altro lato corto diritta davanti alla porta. Prima avevo messo il lettino vicino alla porta d’entrata sulla parete lunga sinistra, con la testata a est, poi dopo l’anno di età ho spostato il letto sempre sulla parete lunga a sinistra,perché mi sembrava nervoso vicino alla porta, ho messo il letto con la testata a ovest( vicino alla finestra, ma non davanti).
    all’inizio quando avevo spostato il letto tutto ok, si svegliava meno si riaddormentava subito, ad un certo punto ha anche fatto quasi un mese senza risvegli la notte, poi dopo un periodo in cui è stato malato adesso ha ricominciato peggio di prima e non capisco perché sembri agitato la notte vuole stare sveglio a giocare, parla a volte lancia dei gridolini o piange.
    di giorno sta benissimo,è gioioso, ride, normale,mangia bene, beve il suo latte prima di dormire…
    non ha tanti giochi in camera, sono quasi tutti in sala, quindi non credo possano essere i giochi a distrarlo, ha solo una lucina notturna blu, il suo peluche per la notte e il baby phone in camera con lui, una cassettiera bianca, un fasciatoio davanti ai piedi del letto, ma ha abbastanza aria e spazio.
    secondo voi potrei cambiare ancora posizione di testata ad esempio, facendolo dormire con la testa a est, mantenendo il letto dove è adesso?pero’ in quel caso guarderebbe il muro… perché se dovessi mettere il letto per il largo della stanza (con testata a nord o a sud) sarebbe in pieno tra la porta e la finestra e non credo sia una buona cosa,vero?
    sarà il baby phone? provo a spostarlo più lontano? o devo levarlo e lasciare le porte aperte? a me da’ fastidio dormire con la porta aperta, magari le socchiudo? spero di trovare una soluzione perché lui non dorme e noi ancora meno e visto che dobbiamo noi andare al lavoro e lui al nido siamo degli zombie la mattina!!
    grazie mille!

    • Buongiorno Laura,
      per un bimbo così piccolo è molto difficile trovare con precisione la causa; potrebbero esserci molte altre cause oltre al Feng Shui. Per esempio, dopo la malattia potrebbe sentirsi più insicuro e avere bisogno della vostra presenza, in particolare della tua.
      Da quello che mi scrivi, comunque, non mi sembra che il Feng Shui della sua cameretta vada male. Forse, finché si sveglia, la soluzione migliore è quella di mettere una culla nella vostra stanza, almeno appena inizia a piangere siete subito accessibili; questo potrebbe ridurre molto il tempo passato da svegli. Anche perché con le porte chiuse è più difficile sentire un bambino.
      Forse anzi lui si sente isolato con la porta chiusa, meglio almeno socchiuderla.
      Saluti!

  • volevo solo aggiungere che la mia casa ha due piani e la cameretta di mio figlio è, come la nostra, al secondo piano, ma l’ultima in ordine di arrivo dalle scale, qunidi mi sembra abbastanza protetta rispetto all’entrata di casa, giusto?
    grazie ancora

  • Signor Stefan grazie,tutto molto interessante,io vorrei chiederle sempre x la posizione del letto, x problemi di salute son obbligata a dormire dove ho una porta di ingresso, perchè l’altra è dal cortile,di conseguenza se metto la testata del lettino a Nord purtroppo l’ho quasi di fronte, mettendola a Sud,è nella stessa parete dove ho la porta e alle spalle ho una finestra,premetto che questo non mi dà fastidio. COSA MI CONSIGLIA, è meglio avere la testa a nord che vedo la porta è la finestra davanti,ho a Sud dove ho tutto alle spalle? Se mi risponde è gentilissimo e grazie.

  • Signor Stefan grazie,tutto molto interessante,io vorrei chiederle sempre x la posizione del letto, x problemi di salute son obbligata a dormire dove ho una porta di ingresso, perchè l’altra è dal cortile,di conseguenza se metto la testata del lettino a Nord purtroppo l’ho quasi di fronte, mettendola a Sud,è nella stessa parete dove ho la porta e alle spalle ho una finestra,premetto che questo non mi dà fastidio. COSA MI CONSIGLIA, è meglio avere la testa a nord che vedo la porta è la finestra davanti,ho a Sud dove ho tutto alle spalle? Se mi risponde è gentilissimo e grazie. Scusate ma io non ho mai scritto a questo sito verificate

Lascia un commento