Video

Drago Verde e Tigre Bianca: Maschile e Femminile nell’abitazione

 

Il nostro primo video tratta di Drago Verde e Tigre Bianca, concetti veramente basilari nel Feng Shui su cui purtroppo molti testi fanno molta confusione.
Nel video trattiamo:

  • come trovare il Drago Verde e la Tigre Bianca
  • quali sono le loro corrispondenze nella psiche e nella vita
  • da cosa derivano queste corrispondenze
  • come Drago Verde e Tigre Bianca si riflettono sul rapporto di coppia
  • come si possono manifestare gli effetti dopo un trasferimento
  • quali forme e strutture possono incidere sul rapporto fra Drago Verde e Tigre Bianca

…tutto grazie a tanti esempi reali presi dalla nostra pratica. Niente esempi schematici validi solo per una casa cinese ai tempi dell’impero: questo è il Feng Shui nella vita vera ragazzi, qui e oggi.

Se qualcuno notasse che nel primo esempio lo Sha Qi più grosso sembra essere quell’edificio chiaro nel Drago e non ne faccio menzione, date la colpa al satellite superaggiornato di Google: quando ho fatto la consulenza su quella casa, quell’edificio non c’era ancora, ma la foto satellitare è di questa settimana…
Peraltro, si tratta di una tettoia in legno che ripara due posti macchina; è molto più bassa della casa e il tetto è inclinato, sicché, anche se dall’alto può sembrare, dal vivo non dà nessuna sensazione di Sha. Sennò, vi pare che gliela lasciavo costruire? 🙂

Domande, commenti, curiosità? Usate come sempre i commenti qui sotto!


[hr]

[twocol_one]

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere quelli nuovi in anteprima e per tenerti aggiornato su tutte le novità di Creative Feng Shui!

[/twocol_one]

[twocol_one_last]

Vienici a trovare su Facebook e condividi le nostre pagine coi tuoi amici!

[fbshare type=”button” float=”none”]

[fblike url=”http://www.creativefengshui.it” style=”button_count” float=”right” showfaces=”false” width=”450″ verb=”like” font=”arial” locale=”it_IT”]

[/twocol_one_last]

[hr]

Informazioni sull'autore

Stefan Vettori

Stefan Vettori

Penso che il mio viaggio nel Feng Shui sia iniziato quando, da piccolo, mi sono chiesto: ma perché le città sono tanto brutte? Possibile che non facciano stare male nessun altro oltre a me? Possibile che nessuno preferisca forme e colori più gradevoli, più morbidi?

25 commenti

  • Interessantissimo! Stupefacente la corrispondenza tra ambienti e vita vissuta! Il video è molto chiaro e piacevolissimo da vedere e ascoltare. Grazie.

  • Molto interessante! La spiegazione è chiara e semplice e fornisce tanti spunti di riflessione. Mi piacerebbe avere un chiarimento su come si può individuare esattamente la direzione della casa. Si deve considerare sempre solo la facciata con la porta d’ingresso oppure anche quella con l’affaccio più aperto con panorama più suggestivo oppure sulla strada principale? Grazie

    • Eeeeh… il Feng Shui non è fatto solo di regole e metodi, ma di principi e priorità. Una regola si applica – anche a memoria; un principio (archetipo) si riscontra percependolo direttamente. Posso farti vedere come si fa a determinare l’asse primario (retro-facciata), ma non posso insegnartelo in senso ‘classico’, cioè insegnandoti una regola – più o meno complessa che sia. Il Feng Shui si fa con il corpo, non con la mente – questo è il grosso equivoco in cui cadiamo noi occidentali (e ultimamente anche molti orientali!). Mi viene da dire… segui il nostro Corso Base, di 2 gg, dove lavoriamo sul corpo e cerchiamo di trasmettere le conoscenze in modo diverso da un normale corso. Non con la mente, ma con l’istinto. Comunque penso che vi saranno presto nuovi articoli o video su questi argomenti!
      Stefan

    • Grazie a tutti per la vostra stima, stiamo facendo del nostro meglio per diffondere informazioni corrette sul Feng Shui.
      Stefan

  • Il video induce a delle riflessioni importanti sulle forze energetiche che agiscono su una abitazione e di conseguenza su chi le abita. Alcune sono modificabili con opportuni accorgimenti. Altre sono di difficile risoluzione.
    Ottima la grafica ma soprattutto la sintesi concettuale.
    Complimenti, molto professionale!

  • Grazie mile di qst video!! finalmente capisco perché la mia vita è bloccata da 5 anni, esattamente da quando mi sono trasferita nella casa attuale. Attendo il prox video e conto prima o poi in una vostra consulenza!

    • Ciao Monica, grazie per il commento.
      Niente maestri qui, quello è un titolone da cinesi o da persone affascinate da una certa aura di autorevolezza all’antica (o di pseudomisticismo fin troppo moderno). Noi siamo semplicemente dei ricercatori che ce la mettono tutta per capire come stanno veramente le cose e comunicarlo agli altri in modo chiaro.

      Se ti è piaciuto il video resta sintonizzata, ne arriveranno molti altri!

  • Bellissimo il video molto chiaro e illuminante. Io sono però molto preoccupata perché abito in una villetta a schiera di testa con il lato tigre bianca addossato alla villetta precedente. Da quel che capisco non ho scampo e la mia vita sarà sempre schiacciata a meno che io non cambi casa…..

    • Assolutamente no.
      Primo, immagino che tu abiti in quella casa da anni, e se non hai visto finora i sintomi della disgrazia apocalittica, non li vedrai mai, almeno non per via della situazione della Tigre.
      Secondo, è molto comune per le abitazioni odierne, specialmente nelle aree urbane, avere una situazione di questo tipo.
      In assoluto, una casa libera su quattro lati ha più vantaggi, permette di essere più consapevoli di ogni lato della psiche ed esprimerlo, salvo ovviamente altri impedimenti.
      Questo non significa che le abitazioni con dei lati chiusi siano nocive. Basta che fai un piccolo controllo: i tuoi amici che hanno un lato chiuso come te, hanno tutti i problemi di cui ti preoccupi?

      Nota che l’esempio nel video in cui la coppia si riprende dopo essersi trasferita nella casa dei genitori di lei ha il Drago non solo tagliato e frastagliato dietro, ma anche completamente chiuso. Non per questo gli uomini in quella casa si sentono schiacciati, anzi, hanno tutti vite molto attive e produttive, perché il Drago in esterni è forte e dinamico.

      Il fatto che non vi siano aperture è uno caratteristica tra mille, ma bisogna vedere che aspetto ha la Tigre da fuori, qual è la sua parte di planimetria rispetto agli altri animali, come è distribuita, che funzioni la occupano, quanto è usata, illuminata, come è allestita, qual è l’atmosfera al suo interno, se arrivano degli Sha…

      Anche se a volte ci sono delle situazioni come dici tu, “non-c’è-niente-da-fare-a-meno-che”, il Feng Shui non è fatto di regoloni generici e perentori, di bianco e nero. Essere bravi nel Feng Shui significa proprio saper cogliere tutte le sfumature e i livelli di influenza.

      Perciò grazie del commento e non preoccuparti della tua Tigre “schiacciata”, ci vuol ben altro che un’abitazione adiacente per renderla tale!

  • Salve grazie per il suo video illuminante.
    Mi sono resa conto che sono nella situazione dell’ultimo caso che ha riportato quello dove manca la tigre bianca.
    Infatti abito in una bifamiliare e a est ho un muro comunicante con i vicini, a sud ho il giardino di pertinenza, mentre a ovest ho la strada interna larga 4 metri che porta allo spazio dietro alla casa. Alla strada privata si accede attraverso il nostro cancello.
    Lungo tutto il perimetro della strada ho una siepe alta 4 metri.
    Cosa consiglia per sopperire alla mancanza della tigre bianca?

    • Ciao Alice, grazie per il commento.
      Come ho spiegato qui sopra rispondendo al commento di Sandra, ci vuol altro che un lato chiuso per dire che la Tigre è “mancante”!

      Nel Feng Shui poi non ci sono ricette standard, del tipo “per una Tigre mancante, fai X”; ogni caso è a sé, è un lavoro di sartoria per così dire.
      Tuttavia, c’è un consiglio sempre utile, che stranamente nessuno dà mai, forse perché richiede più impegno e porta meno soldi al consulente che dire “appendi due anatre mandarine nell’angolo X”.

      L’ambiente di vita ha una forte influenza sui nostri processi emotivi e di pensiero, tale che spesso la paragono a un programma che ci viene impresso dall’abitazione, come il programma di un computer. C’è però una grande differenza: mentre il computer non può far altro che eseguire il programma così come è scritto, noi abbiamo una libera volontà che ci permette di osservare spassionatamente il programma e di agire in modo diverso, almeno parzialmente.

      Quando abbiamo un problema di Feng Shui che non è risolvibile fisicamente – per esempio una parete che, essendo attaccata all’abitazione dei vicini, non può essere aperta in nessun modo – è comunque utile affrontarlo sul piano psicologico e della vita pratica.

      Anche quando una consulenza Feng Shui non individua delle soluzioni architettoniche o di design perché la struttura dell’immobile non si presta, dà comunque delle informazioni fondamentali: sapendo come la casa ci influenza, infatti, possiamo prestare attenzione a come ci sentiamo, come pensiamo e come agiamo in determinati ambiti, e compiere scelte diverse da quelle che l’ambiente ci sta dettando.

      Se la Tigre è debole, o presenta forme sfavorevoli, eccetera, una soluzione sempre valida, a prescindere dagli interventi fisici è PRESTARE ATTENZIONE a tutti gli ambiti corrispondenti, in modo da non commettere gli errori che manifesterebbero quella situazione spaziale, e anzi attivarsi per migliorare la situazione, ad esempio frequentare donne forti e consapevoli da prendere ad esempio, o sperimentare discipline e hobby che richiedono sensibilità, empatia, gusto estetico, o comunque cercare modi per valorizzare ed esprimere la propria femminilità.

      In bocca al lupo e alla prossima!

  • Salve,
    Ho passato il pomeriggio a leggere il vostro sito….interessantissimo…complimenti! Sto vivendo una situazione particolare…mi sono da poco trasferita con il mio compagno e mia figlia avuta da precedente matrimonio, nella casa dove vivevo da piccola con i miei. Stiamo cercando di sistemare le cose senza spendere una fortuna ma sembra che ci sia qualcosa che ci soffoca…non so perche ma ci sentiamo l’uno soffocato dall’altro….e qst sensazione di oppressione l’ho subito percepita anche prima di trasferirsi….è possibile avere una consulenza privata ?grazie mille

  • Buongiorno e complimenti per gli articoli e i video che mettete a disposizione.Da qualche tempo mi interesso al Feng Shui ed ho avuto modo di constatare che in caso di zone mancanti nelle abitazioni ( a causa di piante irregolari) viene spesso consigliato di “ricrearle” a livello percettivo con specchi adeguatamente posizionati.
    Mi chiedevo quale valore ha questa tecnica in un approccio intuitivo quale il vostro.
    Può essere effettivamente utile a riequilibrare il rapporto tra maschile e femminile?
    Grazie e a presto vederci a Roma per il Corso Base!

    • Buongiorno Gabriella,
      in effetti questa del riequilibrare la zona mancante con lo specchio è una cosa che si legge/sente un po’ dappertutto. Funziona? Per rispondere, basta chiedersi che effetto fa al corpo, perché i risultati del Feng Shui dipendono da come l’organismo risponde agli stimoli dell’ambiente.
      Intanto c’è da dire che i casi in cui un settore risulta mancante non sono SEMPRE problematici, anzi, le forme più potenti di solito non sono a pianta squadrata. Se fosse così semplice, basterebbe costruire sempre abitazioni con perimetro rettangolare regolare, e avremmo già risolto.

      Se il settore mancante dà effettivamente dei problemi, è perché il corpo si sente privato della possibilità di accedere a una parte dell’ambiente che percepisce come suo, e a un’informazione energetica particolare data dalla corrispondenza tra quel punto e la posizione del sole nel ciclo giornaliero. Questi sono argomenti piuttosto tecnici che nel percorso di CFS si affrontano al livello 2. Il nostro approccio integra agli aspetti intuitivi anche quelli scientifici!

      Comunque, nel momento in cui posizioniamo uno specchio sulla parete in corrispondenza di un settore mancante, cosa accade? Si crea l’illusione superficiale di un’apertura dove in realtà non ve ne è alcuna. La parte profonda dell’organismo sa di non poter recuperare quello spazio, semplicemente perché non può spostarsi all’interno di esso. La persona potrebbe tutt’al più sperimentare dei benefici più blandi come una maggiore apertura verso i temi e le opportunità legate a quel settore, ma attenzione! Uno specchio, specialmente se è grande abbastanza da poter “aprire” una parete verso il settore mancante, è un oggetto molto particolare e ha già di suo effetti molto forti. Questo significa che potrebbe creare più problemi di quanti risolve, se non è collocato bene secondo molti altri criteri e fattori.

      Il Feng Shui, se vogliamo ottenere gli effetti sperati, non si può fare con regolette e indicazioni generali del tipo “per un settore mancante, appendi uno specchio”. Chi scrive queste cose semplicemente non conosce il Feng Shui autentico, e probabilmente ha poca o nessuna esperienza di casi reali, perché dopo anche solo una decina di consulenze, anche una persona distratta si renderebbe conto che le ricette dei libri non risolvono i problemi dei clienti.

      A presto!

  • Salve!
    Leggendo l’articolo precedente sulla posizione di drago e tigre, ho capito che essi vanno posizionati in base alla facciata principale o alla porta d’ingresso. Ma guardando questo video, ho visto che non viene preso in considerazione l’ingresso negli esempi successivi al primo. Vorrei allora capire come procedere. E poi come intervenire nel caso di un forte sbilanciamento tra i due animali. Inoltre…se gli abitanti della casa sono due fratelli , ed avendo le due camere da letto rispettivamente uno nella tigre e l’altro nel drago, comunque il loro stato dipenderà dal lato drago?
    Grazie mille!
    Paolo

    • Ciao Paolo,
      Drago e Tigre, così come Tartaruga e Fenice, sono indipendenti dalla porta d’ingresso, che può stare su uno qualsiasi dei tre lati. Gli edifici tradizionali più grandi tendono ad avere la porta principale sulla facciata, ma questo non vale per tutti!
      Due uomini nella stessa casa si riflettono maggiormente nel Drago Verde, indipendentemente da dove dormano.
      Per quanto riguarda lo sbilanciamento, non c’è una regola assoluta, anche se ovviamente il più delle volte si cerca di riequilibrarlo. Il fatto poi è che se parliamo di esterni o elementi strutturali, come quelli che vedi nel video, l’intervento è spesso impossibile, e la cosa migliore che si può fare è prendere coscienza di come l’abitazione ci influenza in modo da poterci almeno in parte svincolare dagli effetti negativi. È per questo che il momento migliore di usare il Feng Shui è sempre quello della selezione o costruzione di un immobile!

  • Gentile Staff di Creativefengshui,
    ho letto molto attentamente la Vostra storia, il Vostro orientamento e il Vostro Credo e voglio innanzitutto complimentarmi per l’informazione chiara e corretta che diffondete nel mondo del feng shui, dove mai come oggi regna tanta confusione e contraddizione.
    Mi sono avvicinata al feng shui molti anni fa in quanto rispecchia il mio stile di vita e la mia filosofia. Purtroppo, sino ad oggi, non avuto la fortuna di applicare questa visione alle abitazioni in cui ho vissuto per cause maggiori, ma ora ho finalmente la possibilità di arredare una casa tutta mia.
    Mi chiedevo, visto che in passato ho sofferto d’insonnia, se la disposizione dell’orientamento del letto della camera matrimoniale è meglio nella soluzione originale o nella variazione al progetto (in allegato).
    La variazione al progetto avrà un peso economico non indifferente. Sono una pianista e per questioni di lavoro dovrò coibentare la cucina, che si vede nel progetto originale e rinunciare ad una camera da letto. Per il resto nella variazione al progetto mi sembra che l’appartamento funzioni abbastanza bene. Cosa ne dite?
    Grazie per la Vostra attenzione.
    A Voi tutta la mia ammirazione per il lavoro che state svolgendo!

    Paola

  • Gentile Staff di Creativefengshui,
    ecco una piantina più dettagliata di come si realizzerà l’intero appartamento. I muri gialli verranno abbattuti mentre quelli in rosso saranno eretti. In sala pensavo di mettere il divano appoggiato al muro, ma la tv resterebbe in mezzo alla stanza. La stanza dei pianoforti verrà chiusa da una porta acustica scorrevole esterna e l’architetto proponeva di farla scorrere dietro ad una libreria. In questo caso l’apertura della porta della cucina sarà in angolo a destra e quindi la disposizione dei mobili attuale deve essere pensata al contrario: sulla parete a sinistra il lavello ecc., poi un corridoio di spazio, il bancone ed infine un altro corridoio dove si affaccerebbe la porta. La camera di mio figlio avrà un letto matrimoniale da 1.60 con testata del letto rivolta a ovest, mentre la mia avrebbe la testata del letto rivolta a ovest con di fronte la porta del bagno, come nell’allegato soluzione originale che Vi ho inviato nella precedente mail. Per quest’ultima se non ci fossero gravi condizioni eviterei gli interventi in quanto dovrei togliere la vasca che attualmente è già posata sulla parete sinistra del bagno e cambiare l’apertura dell’accesso al bagno.
    Ancora grazie per la Vostra attenzione.

    Cordiali saluti

    Paola D’ambros

Lascia un commento